Yo, la peor de todas

InsostenibileMediocreBelloMagico (2,67 di media su 3 voti)
Loading...

El film narra los últimos ocho años de vida de Sor Juana Inés de la Cruz, religiosa y poeta mexicana del siglo XVII. Gracias a sus escritos, Sor Juana conoce a la Virreina María Luisa, que se mostrará muy interesada por su obra. Unidas al principio intelectualmente, poco a poco irán desarrollando una relación oculta entre ellas.

Las cartas de amor que Juana escribe a su amada le resultan divertidas al Virrey, no así al misógino Arzobispo de Méjico, quien además desaprueba que una monja no sólo enseñe canto a sus alumnas, sino que también se dedique a la astronomía, la poesía, el drama, la filosofía y la teología. Cuando el Virrey y su esposa son relegados de su puesto y han de volver a España, Juana se queda sola en un ambiente enrarizado por las luchas políticas de la Iglesia Católica y en el punto de mira de la Inquisición.
Tratto dalla biografia omonima, scritta da Octavio Paz, Yo, la peor de todas racconta la vita difficile e travagliata di suor Juana Ines de la Cruz (1651-1695), poetessa che nel Messico coloniale del XVII secolo sceglie la vita monastica per potersi dedicare anima e corpo alla letteratura ed alla filosofia. Colta e raffinata, autrice di opere in cui viene illustrato il conflitto insanabile tra ceti poveri e classi ricche, a causa del suo coraggio viene duramente osteggiata dall’influente curia, baluardo della mentalità repressiva e maschilista del suo tempo, alla quale cerca in ogni modo di sottrarsi. Rinchiusa tra le sbarre di un convento- prigione, vivrà un’intensa relazione, fatta di sguardi e di versi appassionati, trovati scandalosi ed inammissibili dall’arcivescovo, con la potente viceregina. Ma al ritorno di questi in Spagna, suor Juana Ines de la Cruz, ormai priva di protezione, subirà l’attacco definitivo dell’Inquisizione: costretta a firmare un particolare tipo di abiura infamante, in cui ammette di essere “La peor de todas”, verrà privata dei propri strumenti di conoscenza e studio. Interiormente distrutta, andrà incontro alla sua fine. Biografia coinvolgente, dalla lavorazione difficile, di un personaggio poco conosciuto, anomalo e scomodo, inviso al potere costituito a causa della sua autonomia di pensiero così come dalla sua inammissibile “diversità”, sia intellettuale che sentimentale. (Togay 2008)

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Spam protection by WP Captcha-Free